Servizio CUP e prescrizioni di farmaci alla dimissione per il 1° ciclo di terapia. Segnalazione.

Richieste improprie dai CUP e mancato rispetto del regolamento 17 da parte degli specialisti ospedalieri e ambulatoriali

sabato 20 ottobre 2018

PROT. N. 192/18 del 16/10/2018

Al Direttore Generale ASL BA
Al Direttore Policlinico di Bari 
All’Assessore Politiche della Salute
Al Presidente Regione Puglia
Sede

Oggetto: servizio CUP e prescrizioni di farmaci alla dimissione per il 1° ciclo di terapia. 
   Segnalazione.

Numerosi iscritti hanno segnalato alla scrivente O.S. il comportamento degli operatori dei CUP aziendali, i quali “suggeriscono” ai pazienti di invitare il proprio medico di famiglia a cambiare le priorità di esecuzione della prestazione in “urgente” per abbreviare i tempi di attesa anche quando la situazione non richiede tale necessità.

È evidente che questi “suggerimenti” non solo interferiscono nel rapporto di fiducia tra medico e paziente, ma rivelano un esercizio da parte di soggetti non abilitati di una professione protetta, in quanto un operatore CUP non ha titolo a valutare le condizioni di salute del paziente.
Si invita, pertanto, ad intervenire per far cessare simili comportamenti.

E’ stato anche segnalato che continuano a registrarsi casi di pazienti dimessi senza la prescrizione (e l’erogazione) dei farmaci per il 1° ciclo di terapia nonostante le precise norme in vigore e nonostante più volte sia stata richiamata l’attenzione su questa modalità operativa illegittima, Anche in questo caso si interferisce pesantemente sul rapporto di fiducia medico paziente, in quanto il medico di famiglia che si vede arrivare il paziente con elenchi di farmaci da prescrivere, spesso ha notevoli difficoltà (oltre che di natura medico legale) a trascrivere ricette di altri colleghi. 

Infatti, le normative regionali, in particolare il regolamento regionale 17/2017 individua chiaramente i compiti di ciascun operatore e non prevede la trascrizione di ricette compilate da un altro medico. Peraltro, risulta che nelle scorse settimane su questo argomento si è tenuta una conferenza di servizi tra i Direttori Sanitari di tutti gli stabilimenti ospedalieri della provincia presso l’Ordine (il cui verbale è qui allegato).
Si chiede, pertanto, di intervenire con la massima efficacia.
Infine, si chiede di portare i due argomenti in modo prioritario nella seduta del CPA della ASL BA convocato il 8 Novembre p.v. affinchè siano illustrate le decisioni dell’incontro tenuto all’Ordine dei Medici e i provvedimenti che vorrete adottare in relazione a quanto segnalato.
Distinti saluti.

Il Segretario generale provinciale
Dott. Nicola Calabrese