Eurostat: il 16% degli italiani patisce il freddo in casa

La situazione italiana è dovuta in gran parte agli effetti economici della crisi emerge dalla lettura della serie storica dei dati Eurostat

venerdì 05 gennaio 2018

Dott-Net

Oltre il 16 per cento degli italiani, quasi il doppio della media Ue (8,7%), patisce il freddo in casa soprattutto a causa degli effetti della crisi: è quanto emerge dai dati diffusi oggi da Eurostat.    L'Italia, nella poco invidiabile classifica 2016 dei Paesi Ue dove ci sono più persone che non riescono a riscaldare adeguatamente la loro abitazione, si colloca così al sesto posto alle spalle di Bulgaria (39,2%), Lituania (29,3), Grecia (29,1), Cipro (24,3) e Portogallo (22,5).Tutti gli altri, tra le mura domestiche, hanno meno problemi. A cominciare dalla Romania, dove 'solo' il 13,8% della popolazione denuncia problemi di riscaldamento, passando per la Spagna (10,1), la Polonia (7,1), la Gran Bretagna (6,1), la Francia (5), la Germania (3,7) fino ad arrivare alla Finlandia, 'prima della classe' con una percentuale pari appena a 1,7.  

Che la situazione italiana sia dovuta in gran parte agli effetti economici della crisi emerge dalla lettura della serie storica dei dati Eurostat. Nel 2006 la quota della popolazione che non riusciva a riscaldare adeguatamente il suo alloggio era del 10,4% e nel 2010 era salita all'11,6% contro una media Ue del 9,4%. Il problema è però letteralmente esploso nel 2011, quando il dato italiano ha toccato il 17,8% contro una media Ue del 9,8. L'anno dopo il fenomeno ha toccato il suo apice. Nel 2012 infatti ben il 21,3% degli italiani dichiarava di non riuscire a riscaldare adeguatamente la sua casa mentre la media Ue cresceva ma si attestava al 10,8%. Negli anni successivi la situazione in Italia è leggermente migliorata (18% nel 2013 e nel 2014) per poi scendere al 17% nel 2015 e al 16,1 del 2016 contro l'8,7% della media Ue

Altri articoli sull'argomento